Esistono diversi motivi:
• Potrebbe non essere totalmente convinto che questi siano i suoi bisogni.
• Potrebbe aver bisogno di maggiori informazioni.


• Potrebbe avere la sensazione che le soluzioni presentate non siano adeguate alle sue necessità.
• Potrebbe volere maggiori certezze sul fatto che stia prendendo la giusta decisione.
• Potrebbe aver bisogno o voler coinvolgere qualcun altro nel processo decisionale.
• Potrebbe essere una persona di natura cauta o che sente la necessità di ostacolare sollevando delle argomentazioni.
• Potrebbe offrire un segno di accettazione


Le obiezioni principali fanno parte delle seguenti categorie a cui è consigliabile una determinata azione:
1) Domanda - fornire una risposta.
2) Dubbio - fornire delle prove.
3) Incomprensione - fornire una spiegazione.
4) Tentativo di sminuire la nostra offerta - controbattere positivamente con ulteriori argomentazioni.


L’obiezione può essere “espressa verbalmente” (e le motivazioni quindi vengono citate chiaramente) oppure può essere un’obiezione “NON verbale”. In entrambi i casi è essenziale assicurarsi cosa c’è dietro l’obiezione, per quali ragioni il cliente le solleva o perché si sente preoccupato.

Inoltre è importante rispondere alle obiezioni in modo soddisfacente e ottenere conferma che il dubbio sia stato dipanato.


Come vincere le obiezioni

Ecco alcuni step del modello “CARE” che possono aiutarci a gestire in modo ottimale le obiezioni:


C - Chiarire e ascoltare
• Utilizzare le domande per comprendere l'obiezione
• Ascoltare serve a conquistare la fiducia del potenziale cliente e a favorire il suo ascolto
• L'ascolto dà il tempo di elaborare la propria risposta
• L'ascolto smorza la pressione

A – Accordare parzialmente
• Il cliente ascolta la risposta se vede che il suo punto di vista è stato capito. Ma non bisogna mai acconsentire completamente!
• Non mostrare il disaccordo usando frasi come: "No, su questo si sbaglia", "deve capire...", "non mi ha capito...", "ha interpretato male la situazione", "non posso darle ragione..."

R – Riformulare l'obiezione
Per il cliente è meglio trovare una risposta a una sua domanda piuttosto che riconoscere che una sua obiezione era errata.
Fate in modo di trasformare l'obiezione in una domanda del cliente alla quale sapete di poter rispondere

E – Esplicare e prove (terzi)
Presentate la vostra risposta/spiegazione attentamente, fornendo prove a supporto di quello che dite
Usare prove di terzi è un buon aiuto ed evita discussioni
Occorre notare che il momento della spiegazione, con questo metodo, è alla fine e non all'inizio, per stemperare l'eventualità che si creino discussioni.

Ricordate che, qualunque sia il motivo, un’obiezione è spesso un’opportunità per chiudere una contrattazione. Sfortunatamente per la maggioranza delle persone un’obiezione rappresenta una fonte di ansia. Potremmo sentirci messi sotto pressione o sfidati. Ad ogni modo dovremmo avere un atteggiamento positivo di fronte ad esse vedendole come delle opportunità per sottolineare la nostra passione per la vendita.

Utilizziamo cookie per migliorare la tua navigazione
Vengono anche utilizzati cookie di terze parti per tracciare le visite al sito. Cliccando sul pulsante CONTINUA dai di fatto il consenso per l'utilizzo dei cookie.