Nell’ultimo articolo abbiamo analizzato 2 parametri che permettono di comprendere la propria posizione di vendita.
Ora è il momento di distinguere gli stili di vendita che vi aiuteranno ad affrontare le diverse situazioni in cui potete trovarvi in qualità di venditore.

Assertive selling: il venditore incontra il cliente che sa esattamente quello che vuole e si dimostra altezzoso ("Io so quello che voglio e non voglio lavorare con te”). In questo caso il venditore deve superare due ostacoli: il cliente non vuole alcun contatto con il venditore perché non ha bisogno di nulla ed è soddisfatto con il suo attuale fornitore.

Il compito è quindi quello di stabilire un contatto e cercare di creare esigenze supplementari. Naturalmente, poi, il venditore deve dimostrare che la sua offerta soddisfa i bisogni del cliente meglio delle offerte della concorrenza. Si tratta di una tipica situazione di vendita che riguarda lo sviluppo del mercato proattivo e che richiede un alto grado di magnetismo personale e carisma del venditore.

Consultative selling: in questa situazione, i clienti cercano il parere di un fornitore. Si trovano ad affrontare una nuova sfida e non sanno ancora come possono superarla. Generalmente soddisfatti con i fornitori esistenti, hanno un atteggiamento negativo o scettico nei confronti del nuovo fornitore ("Io non so quello che voglio, ma non voglio lavorare con te"). L’unica soluzione è quella di posizionare la società non come un fornitore, ma piuttosto come un consulente, e proporre un'offerta veramente creativa, differenziata, che contribuisca al successo del cliente. Ciò richiede che i venditori siano qualificati: conoscono il prodotto, comprendono le tendenze del settore e del mercato, sono consapevoli del posizionamento e delle strategie del concorrenti. L'azienda è in grado di vincere solo disponendo di un'offerta significativamente diversa da quella dei concorrenti. Questa è un'altra situazione di vendita che le aziende orientate alla crescita stanno affrontando più frequentemente.

Expertise selling: come nel caso del consultative selling, nell’expertise selling il cliente è alla ricerca di una soluzione. La differenza però consiste nel suo approccio: in generale, nel caso dell’expertise selling, il cliente è positivo verso il venditore ("Non so di cosa ho bisogno, ma voglio lavorare con te"). Il ruolo del sales è quello di capire il cliente in modo corretto e proporgli la giusta soluzione. Al contrario del consultative selling, non è necessario lavorare sulla creazione di competenza o sulla differenziazione della propria offerta dalla concorrenza. Agli occhi del cliente, l'azienda possiede già un’immagine di "un esperto". L’analisi della domanda è lo strumento che può essere utilizzato in questo stile di vendita.

Relational selling: in questo caso il rapporto d'affari tra un cliente e un venditore è già stabilito. Il cliente effettua gli ordini su base regolare; gli ordini non vengono rinegoziati ogni volta o non richiedono input da parte di un venditore ("Io so quello che voglio e lo voglio da te"). L'attività di vendita si concentra più sulla relazione con il cliente e meno sul prodotto, sul servizio o sulla soluzione specifica. Questo approccio richiede ai venditori competenze sociali ed interpersonali.

Quanto spesso queste situazioni di vendita si verificano con le singole aziende?

Il 70% delle aziende intervistate (ricerca “Sales Excellence 2012” di Mercuri International) afferma di relazionarsi a clienti che conoscono i loro bisogni e il tipo di soluzioni che vogliono. Lo sviluppo dell’autonomia del cliente è un fenomeno comune per tutti i tipi di business (e non c’è alcuna differenza tra i top, average o bottom performer).

Ma ci sono grandi differenze tra gli atteggiamenti dei clienti nei confronti dei venditori. Ecco i risultati:
Mercuri 23a
Qui di seguito troverete un grafico che riflette l’uso percentuale degli stili di vendita per c.d. Top e Bottom Performer. 
Mercuri 3

I più letti

Utilizziamo cookie per migliorare la tua navigazione
Vengono anche utilizzati cookie di terze parti per tracciare le visite al sito. Cliccando sul pulsante CONTINUA dai di fatto il consenso per l'utilizzo dei cookie.